TORINO: Una nuova "casa" per contrastare la povertà e la solitudine!

Sabato 1 febbraio, nel contesto della Festa di san Giovanni Bosco, i salesiani di borgo San Paolo, assieme ai superiori provinciali, hanno inaugurato la residenza temporanea per ragazzi maggiorenni, Housing sociale, e i nuovi locali del Centro Ascolto - Caritas, esistente già da molti anni. Il progetto, denominato "Questa è la mia casa", si inserisce all'interno di un fitto programma di impegno sociale che i salesiani in questo particolare e importante quartiere di Torino svolgono. In questo caso si è voluta porre l'attenzione soprattutto su due bisogni sempre più all'ordine del giorno nel mondo di oggi: da una parte le povertà del territorio con la presenza del Centro Ascolto che, sempre con grande attenzione e generosità, è attivo nell'assistenza e nella cura dei meno abbienti e i cui volontari si prestano al servizio in molte occasioni quali possono essere la raccolta alimentare nei supermercati o la raccolta di medicinali nelle farmacie della zona. Dall'altra invece uno sguardo attento ai giovani, quelli più deboli, che, sempre più spesso, si ritrovano soli in una società che è molto cambiata.
I salesiani, ormai tre anni fa, oltre all'attività parrocchiale e oratoriana, hanno inaugurato una Comunità per Minori Stranieri non accompagnati dentro al progetto "Casa che accoglie", che da tempo ospita, cresce e forma fino a 12 giovani minorenni accompagnati dall'Ufficio Minori Stranieri di Torino, che vivono insieme alla comunità e vengono aiutati per il conseguimento della licenza media, cercando anche di far proseguire gli studi - tempi di permanenza permettendo - in modo che abbiano capacità professionali come ristorazione o meccanica. 
Si cerca inoltre di dare loro lo spazio per attività di tempo libero e sport, sia nell'oratorio salesiano che fuori. Insomma un progetto che ha dato e dà modo a salesiani, educatori e volontari della parrocchia la possibilità di confrontarsi con una realtà diversa, che ha centrato il punto sulle povertà dei giovani e che smonta giorno dopo giorno la solita retorica antimigratoria e dell'odio.

Sabato si è aperto lo spazio in cui questi giovani inizieranno ad affacciarsi alla società che li ospita e condivideranno la loro routine assieme a persone con storie ancora diverse da quelle che hanno incontrato e in cui lo scambio interculturale sarà ancora più interessante. Il nuovo housing sociale, infatti, potrà ospitare, oltre a quei giovani che, raggiungendo la maggiore età, concludono il loro percorso nella "Casa che accoglie" e stanno cercando ancora una soluzione di indipendenza, anche altri giovani come studenti fuori sede e altri.
Il progetto è stato dunque lungamente pensato e realizzato con l'aiuto di tanti parrocchiani e in particolare di un benefattore che ha voluto rimanere nell'anonimato.

Come è stato ricordato sabato anche dall'ispettore dei salesiani del Piemonte e della Valle d'Aosta, don Enrico Stasi, quella del San Paolo non è la prima esperienza di housing sociale che i salesiani a Torino aprono; infatti pochi mesi fa in zona San Salvario ne è stata inaugurata una e da alcuni anni ne è attiva un'altra in zona Mirafiori presso l'istituto Agnelli.

Alessandro Ritella