SETTIMO: Nessun aiuto ai commercianti

Il commercio settimese era già al collasso prima della Pandemia da Coronavirus che non ha fatto altro che contribuire al rischio di chiusura di molte attività commerciali presenti sul territorio.

Sono molte le storie, se ci guardiamo attorno, che stanno rischiando di chiudere o che non hanno rialzato le serrande e che, forse, non le rialzeranno mai più.
Il commercio in città non si ferma in via Italia, c'è un mondo di micro imprenditori dislocati in tutta la città che spesso non vengono nemmeno presi in considerazione da nessuno. 

Il Comune di Settimo ha deciso, per far fronte all'emergenza, di istituire uno sportello gratuito che dia informazioni telefoniche ai commercianti per sapere quali siano gli aiuti che lo Stato sta mettendo in atto per venirgli in contro.
In sostanza, nulla di concreto, come "denunciato" nel comunicato stampa da Sinistra Civica e Insieme per Settimo che riceviamo e pubblichiamo.


Sinistra Civica ed Insieme per Settimo ritengono insufficiente lo sforzo
messo in atto dal Comune di Settimo Torinese a supporto del commercio locale.
Riteniamo infatti che un semplice sportello telefonico a supporto dei
commercianti, per altro sovvenzionato con 5.000 euro dal Comune ad
una sola rappresentanza di categoria, sia insufficiente in quanto si possono
trovare con semplicità diverse informazioni online, metodo ormai
utilizzato dalla quasi totalità della popolazione per trovare informazioni
soprattutto dopo l’esperienza digitale obbligata dal coronavirus.
Pensiamo invece a esperienze positive come il Comune di Moncalieri
che ha messo in campo 550.000 € a sostegno del commercio o altre
forme di supporto al commercio come il Comune di Strambino e quindi
chiediamo all’Amministrazione una proposta reale di aiuto e sostegno
economico al commercio locale settimese che non si limiti solo, come
spesso accade, a fare comunicazione fine a se stessa.


Comuni di piccole dimensioni intorno a noi, come esplicitato nel comunicato stampa, hanno messo in atto manovre decisamente concrete nei confronti dei commercianti e hanno deciso di mettere in campo denaro di tasca per aiutarli in maniera concreta. Moncalieri ha stanziato più di 500 mila Euro per aiutare il commercio, Strambino molte migliaia.

A Settimo, a quanto pare, non serve. Il commercio è abbastanza sano per non avere bisogno di un aiuto maggiore.

Bastano 5000 Euro di sostegno per realizzare uno sportello telefonico.

Gabriele Cannone