SETTIMO: il vero problema della città è il "traffico"

Dopo la discussione in Consiglio Comunale di ieri sera, 30 gennaio 2020, non possiamo fare altro che ricordare il grandissimo film di Benigni "Johnny Stecchino".

E' stata proposta, infatti, da Sinistra Civica - Lavoro e Ambiente e Insieme per Settimo, la richiesta di istituire una "commissione di indagine sulle possibili infiltrazioni mafiose in città" ma, secondo la maggioranza e anche una parte dell'opposizione ( Movimento 5 Stelle ) il tutto non sarebbe necessario. O meglio, non in questi termini.
"Non sarebbe il compito dei consiglieri comunali e degli assessori vigilare ma della magistratura" ha infatti dichiarato il Capogruppo pentastellato Del Vago.

Secondo la Capogruppo del Partito Democratico Cadoni, invece, i promotori di questa richiesta starebbero "insinuando la possibile presenza di qualche infiltrazione all'interno dell'Amministrazione o delle Società. Un'attacco gravissimo".


"La nostra volontà - hanno invece commentato da Sinistra Civicanon è indagare sulle partecipate e non vogliamo assolutamente insinuare che all'interno delle società ci siano personaggi legati alla malavita.
Quello che avremmo voluto era semplicemente una commissione che, in via preventiva, controllasse che tutte le procedure per l'assegnazione di appalti pubblici fosse corretta e che le procedure fossero a prova di infiltrazione mafiosa. Che le aperture di bar con gioco d'azzardo fosse regolare. Insomma, un organo che tutelasse cittadini e città da possibili interessi di ogni tipo, perché questi soggetti arrivano ovunque.
Il nostro interesse era per il bene della comunità considerando come comuni da noi poco distanti sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose e che gli arresti per '
Ndrangheta hanno colpito tutto il Piemonte, Settimo compresa".


Insomma, per l'ennesima volta, all'interno del piccolo parlamentino locale, si è assistito ad uno scontro politico e personale su un argomento che, invece, a mio personalissimo parere, avrebbe dovuto unire tutti quanti.
Tanto è vero che, addirittura la Lega, ha firmato la richiesta ed ha votato a favore dell'istituzione della Commissione. A dimostrazione che, davanti a queste cose, non c'è colore politico ma buon senso.
La lotta alla criminalità, qualunque nome essa abbia, dovrebbe essere una priorità per tutti.
Sono sicuro che all'interno dell'amministrazione comunale ( maggioranza e opposizione tutta ) e all'interno delle società di cui il nostro comune è socio non ci sia alcuna tipologia di infiltrazione. Ma viste le ultime notizie di cronaca ( una tra tutte l'arresto dell'Assessore regionale Roberto Rosso per presunto voto di scambio ) credo che sia necessario tutelare la nostra città da possibili interessi della criminalità.

Questi soggetti sono ovunque e potrebbero arrivare in ogni momento. Un organo di controllo non avrebbe fatto male, diciamo.

Gabriele Cannone