SETTIMO: I vandali contro "Uscire dal Silenzio"

Hanno divelto il totem dell'associazione Uscire dal Silenzio che si occupa, da anni, di assistere donne in difficoltà e vittime di violenza.

Questo è quanto accaduto a Settimo. L'associazione, per dare visibilità alle loro azioni, ha installato da qualche mese alcuni totem pubblicitari nel centro storico della nostra città.

L'altra mattina, però, le volontarie si sono svegliate con l'amaro in bocca. Uno di questi, quello allocato in via Roma, è stato spaccato da qualche vandalo che, probabilmente, non avendo altro da fare ha deciso di romperlo e lasciarlo lì a terra. Quasi come gesto di sfida a dimostrazione che, nonostante quello che viene detto da mesi, anche in centro chi vuole fa davvero quello che vuole. Nessun controllo, nessuna vigilanza. Se si riesce a rompere un totem rimanendo impuniti e senza che nessuno se ne accorga, chissà cosa potrebbe succedere più avanti.

Oltre al danno economico per l'associazione, rimane la rabbia per un gesto che va oltre il semplice vandalismo.
Siamo davanti, infatti, ad una completa diseducazione da parte delle persone.

Siamo allibiti da quanto successo e speriamo che non sia un atto diretto verso questo gruppo di donne che ogni giorno si occupano di aiutare decine di persone sul nostro territorio e non solo.

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà a loro e condanniamo fermamente quanto compiuto da qualche maleducato e diseducato che nemmeno sa bene cosa ha combinato con il suo gesto.
Rompere un simbolo come quello non è solamente un danno ma è un attacco all'anima di un gruppo che non lo merita.

Gabriele Cannone